• Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle

Il grano e la differenza tra grano duro e grano tenero

Il grano è una pianta annuale dal fusto cavo, detto culmo, lungo cui si presentano nodi e internodi.

 

La spiga, la parte terminale del fusto, produce un’infiorescenza costituita da nodi ravvicinati dai quali escono i singoli fiori; ogni fiore ha in sé sia gli stami, gli organi maschili, che i pistilli, quelli femminili. Si parla perciò di fiori ermafroditi, che per riprodursi si autofecondano.

Ciò che comunemente chiamiamo “chicco di grano” è il frutto.

Quando il chicco è maturo si asciuga e contiene un’alta quantità di albume farinoso particolarmente ricco di sostanze quali amido, zuccheri e composti azotati.

IL processo di raccolta del grano si chiama mietitura, avviene in estate quando le spighe assumono una colorazione giallo-dorata e iniziano a seccare.

La tradizione insegna che è possibile passare al raccolto verificando la maturazione dei chicchi con i denti, ovvero se sono abbastanza duri, si può procedere.

Durante la trebbiatura avviene la separazione dei chicchi dagli scarti: la paglia, cioè il fusto tagliato, e la pula, ovvero l'involucro che copre i chicchi.

 

Analizziamo adesso le due tipologie di grano.

 

Si tratta di due specie vegetali di grano differenti:

  • il Triticum turgidum durum (grano duro) che cresce generalmente in aree geografiche caratterizzate da climi poco umidi e terreni spessi e sabbiosi. Questo frumento è più delicato e si adatta con difficoltà al terreno diffondendosi soprattutto nelle calde regioni meridionali.

  • il Triticum vulgare o aestivum (grano tenero) si trova solitamente in zone geografiche caratterizzate da terreni fertili e climi più miti, tipici di valli e paesi in montagna.

 

 

 

 

La prima differenza tra i due grani è nell'aspetto: il grano duro, presenta lunghe reste, ha chicchi allungati e spigolosi di consistenza molto dura e difficili da rompere; mentre il grano tenero ha chicchi piuttosto tondeggianti e morbidi, opachi e friabili, che si spezzano facilmente.

La seconda differenza riguarda le caratteristiche.

Il grano duro ha un'estensibilità piuttosto bassa ma un'elevata tenacità, è generalmente utilizzato per la produzione di pasta secca e pane, contiene più proteine rispetto a quello tenero ed assorbe più acqua.

Il grano tenero ha invece un alto indice glicemico, ha meno proteine rispetto al grano duro e ha un livello di assorbimento di acqua minore.

Entrambi i grani possono essere macinati a cilindri o a pietra, ma del mondo delle farine ne parleremo nel prossimo articolo. 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

© Pasticceria Bilardo 2016. All rights reserved. P.IVA 01628820852 

Engineered by: VLab Communications