• Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle

Mandorla e dolce casa: che fantastico connubio!

22/06/2017

 

 

La mandorla,  oltre ad appartenere alla classe della frutta secca, ha molteplici usi, prescindendo da quello più “reale”: la trasformazione in dolcini.

Pensate che il mallo, cioè la buccia che copre il guscio, è un prodotto non lavorato, molto richiesto dagli allevatori poiché, una volta secco, si può sfruttare come mangime per gli animali visto l’alto contenuto di microelementi.

Il  guscio, macinato a circa quattro millimetri, può essere sfruttato per il funzionamento delle stufe a pellets poiché la buccia legnosa ha un elevato potere calorifero.

Molte attività commerciali di natura alimentare come ristoranti o pizzerie utilizzano legna di eucaliptus ma, per il suo scarso potere comburente, aggiungono anche le scorze di mandorla, conferendo inoltre un aroma particolare  all’impasto.

Ultimamente si sta cercando di sfruttare il più possibile ogni parte di questo nobile frutto secco, in particolare la buccia.

Vediamo quale uso più particolare se ne può fare.

Dopo aver tolto la buccia dal frutto secco, si può farla asciugare in un comune fornetto elettrico per 10-15 min a 150°, dopo di che, si possono aggiungere dei fiori di lavanda, fiori di limone, fiori di citronella, incenso,  timo, lime, petali di rosa turca e alla fine si può procedere macinando il tutto. A questo punto si inserisce il prodotto finito in una busta di carta, ottenendo un ottimo deodorante per ambienti,  totalmente naturale e a costo zero. Si può usare negli armadi, dentro i bagni, nella cucina, e in tutti i luoghi dove il “sacchetto profumato” assorbirà i cattivi odori emanando un buon profumo naturale.

Questi usi alternativi ai comuni deodoranti di natura industriale/ chimica, vengono utilizzati nei paesi che si affacciano sul mediterraneo.

Dai vari dominatori che si sono succeduti, noi siciliani, abbiamo ereditato moltissime tradizioni che oggi abbiamo scaricato nell’oblio,  affacciandoci ad una visione più industriale,  non riconoscendo più le nostre qualità mediterranee.

Ricordare le tradizioni, riscoprire antiche ricette, celebrare le ricorrenze che ci fanno valorizzare io prodotti di qualità,  non significa essere antichi, piuttosto da lì possiamo ripartire alla scoperta di un significato: quella di essere siciliani ed essere innovativi con antichi valori.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

© Pasticceria Bilardo 2016. All rights reserved. P.IVA 01628820852 

Engineered by: VLab Communications