• Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle

Marmellata, confettura, gelatina: qual è la differenza?



In quanto prodotti alimentari, anche le confetture e marmellate devono rispettare determinati canoni. Questi prodotti sono soggetti ad una normativa specifica concernente appunto le confetture, le gelatine e marmellata di frutta, nonché crema di marroni, destinate all'alimentazione umana, in cui si definisce la loro differenza e la loro conservazione.La confettura e la mescolanza, portata a consistenza già visitata appropriata, di zuccheri, polpa e/o Purea di una o più specie di frutta e acqua. Per gli agrumi, tuttavia, la confettura può essere ottenuta dal frutto intero o tagliato e/o affettato.Legge Latina è la mescolanza, sufficientemente gelificato, di zuccheri, succo di frutta e/o Estratto acquoso di una o più specie di frutta. La quantità di succo di frutta o di estratto acquoso necessaria per 1 kg di prodotto finito non deve essere inferiore a quella fissata per la produzione della confettura. Tali quantità sono calcolate previa detrazione del peso dell’acqua impiegata per la preparazione degli estratti acquosi.La marmellata è la mescolanza, portata consistenza gelificato appropriata, di acqua, zuccheri e Uno o più dei seguenti prodotti ottenuti da agrumi: polpa, purea, succo, estratti acquosi a scorze. La quantità di agrumi utilizzata per 1 kg di prodotto finito non deve essere inferiore a 200 g, di cui almeno 75 provenienti dalla endocarpo.Queste sono nozioni prettamente scientifica che possono aiutarci ad ottenere delle indicazioni che Che ci guidano per ottenere un buon prodotto il prodotto che comunque mantenga le caratteristiche di quella che è una vera confettura, una vera gelatina, una vera marmellata quest’ultima ricordatevi che è sempre e solo fatto a base di agrumi.

Marmellata di arance

Ingredienti:

Arance 2 Kg

Zucchero 400g

Procedura

Pelate le arance a vivo eliminando tutta la parte bianca. Dividete poi la polpa di ciascun arancia a metà, da ogni metà ricavate 4 pezzi. Ripetete la stessa operazione per tutte le arance fino ad ottenere 1 kg di polpa di arance. Trasferitela poi in un tegame e unite lo zucchero. Spostate sul fornello a fiamma media e non appena lo zucchero si sarà sciolto e la polpa avrà iniziato a disfarsi, abbassate la fiamma. Lasciate sobollire mescolando di tanto in tanto. Utilizzando un termometro per alimenti misurate la temperatura della marmellata di arance e non appena avrà raggiunto i 108° spegnete il fuoco; ci vorranno circa 40/45 minuti. Utilizzando un imbuto trasferite la confettura calda nei vasetti, ripulite bene i bordi se dovessero essersi sporcati e chiudete con i propri coperchi, stringendo piuttosto energicamente. Capovolgete i vasetti e lasciateli raffreddare in questo modo prima di rimetterli in posizione eretta. Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete pigiare al centro del tappo e se non sentirete il classico "click-clack" il sottovuoto sarà avvenuto. La vostra marmellata di arance è pronta, attendete qualche giorno prima di gustarla!

 POSTS