• Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle

LA DOLCE... ITALIA: Umbria



Fregnaccia

Forse il nome si riferisce alla poca abilità culinaria che questa preparazione richiede; in ogni caso, la fregnaccia (detta anche arvoltolo) è uno dei dolci più antichi della tradizione umbra. Uno dei pochi dessert che le famiglie meno abbienti potevano permettersi, oggi vive il suo momento di massimo splendore durante il mercato delle Gaite, festa medievale di Bevagna. Si tratta di pizzette preparate con la farina di frumento, fermento madre (o lievito di birra) e acqua, che si friggono in olio di oliva prima di imbiancarle con zucchero semolato e coprirle di Miele. A Spoleto, con sfarinato di grano tenero, burro, zucchero, uova, sale,mistrà e aromatizzata con buccia di limone.

Strufoli

Propria dell’Umbria centro meridionale, queste dolci palline, irregolari, si preparano mescolando farina di grano tenero, uova, zucchero, olio extravergine di oliva, una miscela alcolica (grappa, vino bianco, rum) o minestra e avvolte scorza di limone. Inoltre, c’è chi aggiunge alcuni albumi montati a neve. Manipolato a lungo il composto fino a ottenere una pasta abbastanza omogenea, lo si lascia riposare per circa un’ora. Gli struffoli sono poi formati e fritti in olio bollente fino a quando, gonfiandosi, assumeranno una colorazione dorata. Scolati a dovere, si consumano caldi o freddi, magari ulteriormente addolciti con profumato miele umbro (trifoglio, sulla, girasole, millefiori, acacia) o, più semplicemente, ammantati di leggerissimo zucchero a velo.


Foto: montagneaparte.it cucchiaio.it

Autore: Marco Miccichè

 POSTS